Modifica destinazione d'uso

Discussione su applicazione Delibera regionale per progettazione e certificazione.

Moderatori: Kristian.F, Navarra Ivan

Modifica destinazione d'uso

Messaggioda aiace_ » sab giu 11, 2016 9:53 pm

Le linee di principio per la certificazione energetica sono poche, poi ci si trova di fronte ad una miriade di sottocasi particolari di situazioni intrecciate nelle quale è facile perdersi.
Eccomi di fronte all'ennesimo dubbio e non ho trovato una risposta conclusiva.
L'APE va revisionato quando si modifica in maniera sostanziale la prestazione dell'immobile in oggetto; va rifatto quando si modificano le coordinate catastali.
Ma quando si fa una normale modifica di destinazione d'uso devo fare revisione?
Nel mio caso si passa da ufficio ad abitazione, operazione dove l'EPi non cambia in maniera sostanziale.

Fare una revisione adesso significa importare il vecchio lavoro, verificare i dati aggiuntivi per i controlli, pagare i 15€, sottoporsi al rischio dei controlli e se l'APE viene bloccato occorre spostare il rogito a data da destinarsi.
Bisogna essere ben convindi e motivati per procedere su questa strada.

Come sempre attendo opinioni in merito.
aiace_
 
Messaggi: 61
Iscritto il: lun gen 20, 2014 12:23 am

Re: Modifica destinazione d'uso

Messaggioda malvisi.m » dom giu 12, 2016 10:16 am

Ti sei già risposto, dici "va rifatto quando si modificano le coordinate catastali"
in caso di cambio di destinazione d'uso catastalmente l'unità viene soppressa e ricostituita con sub. diverso.

Ma siamo sicuri che se cambiano i dati catastali vada rifatto l'APE?
Esempio: fraziono l'appartamento dalla cantina che normalmente sono nello stesso catastino, assegno nuovi subalterni ma dal punto di vista energetico non cambia nulla.
malvisi.m
 
Messaggi: 13
Iscritto il: lun mar 03, 2014 5:50 pm

Re: Modifica destinazione d'uso

Messaggioda Ing Rivoli » dom giu 12, 2016 7:00 pm

Se separo la cantina dall'appartamento che prima avevano sub 1 dopo l'appartamento avrà sub 2 e la cantina sub 3, se affitto l'appartamento mi trovo con un certificato con scritto sub 1 ma serve un documento con scritto sub 2 per questo devo rifare il calcolo ( la normativa è in continuo cambiamamento ) e registrare un nuovo certificato ... pagando 15 euro e sottoponendoti al rischio controlli.

Cambiando da abitazione a resisdenziale o viceversa cambia ad esempio l'illuminazione quindi andrebbe revisionato o rifatto se è cambiato il dato catastale. Al notaio o a chi registra il certificato interessa avere solo un numero di certificato riferito ad un dato catastale ma mai controlleranno a quale destinazione d'uso è riferito.

A mio parere sarebbe da rifare ma a nessuno interesserebbe ( se non cambia il dato catastale ).

Domanda: se devo revisionare un certificato perchè devo correggere un errore ortografico ( sbagliai a scrivere Via Fenocchi ) devo ripagare i 15 euro? E se lo faccio annullare me li restituiscono?
Ing Rivoli
 
Messaggi: 123
Iscritto il: lun gen 13, 2014 12:18 pm

Re: Modifica destinazione d'uso

Messaggioda signo2000 » mer giu 15, 2016 9:46 am

Visto che i 15 € sono per finanziare i controlli sul certificato in corso di registrazione, il fatto che poi tu l'annulli o no sono affari tuoi.
signo2000
 
Messaggi: 102
Iscritto il: gio gen 09, 2014 4:56 pm

Re: Modifica destinazione d'uso

Messaggioda aiace_ » gio giu 16, 2016 3:21 pm

Grazie e tante a Malvisi.M

Con la semplice frase
"in caso di cambio di destinazione d'uso catastalmente l'unità viene soppressa e ricostituita con sub. diverso"
mi hai permesso di prendere il controllo della situazione.
Il proprietario (mio amico) mi dice che il sub non è cambiato, perché il tecnico che ha fatto la modifica della destinazione d'uso non lo ha riferito, l'agenzia immobiliare dice che va tutto bene, il notaio l'ha rassicurato in tal senso.
Io non sono un tuttologo del catasto per contraddire tutti i vari attori.

Mi è bastata una semplice visura per leggere il nuovo sub, chiamare il proprietario-amico e, forte della confidenza, spiegargli che si è affidato ad una manica di imbecilli.
E grazie a Malvisi non sono finito nel contenitore degli imbecilli.
Certo che registrate un APE sotto regime di controlli a poche ore da rogito è come buttarsi da un ponte con un elastico legato ai piedi.

Poi scusatemi ma i 15€ sono in realtà più di 20. Io li metto in fattura, ma sulla fattura ci pago le tasse, quindi dal cliente dovrei chiedere il lordo dalle tasse.
E' solo un mio problema? Dipende dal fatto che sono nel regime dei minimi?
aiace_
 
Messaggi: 61
Iscritto il: lun gen 20, 2014 12:23 am

Re: Modifica destinazione d'uso

Messaggioda Ing Rivoli » gio giu 16, 2016 4:14 pm

Chi fa le norme finanziarie non è certo uno stupido in matematica! Io che ho preferito non aderire al regime dei minimi e che quindi sono in contabilità semplificata detraggo ( o meglio spero di detrarre ) le ricevute di Elvet come una comune spesa ( anche se esente iva ) però è giusto far notare che questo non succede per il regime dei minimi.
Ing Rivoli
 
Messaggi: 123
Iscritto il: lun gen 13, 2014 12:18 pm

Re: Modifica destinazione d'uso

Messaggioda ing_Laurentio » ven giu 17, 2016 5:00 pm

In fattura i 15 euro vanno indicati come "spese esenti ex art. 15" a cui non viene applicata IVA e cassa e non concorre a formare base imponibile. Questo indipendentemente dal regime fiscale (ordinario, forfettario, minimi).

es:
Compenso € 900,00
Inarcassa 4% € 36,00
TOTALE FATTURA € 936,00
spese in nome e per conto (art. 15 D.P.R. 633/72) € 15,000
TOTALE DA pagare € 951,00
ing_Laurentio
 
Messaggi: 56
Iscritto il: gio gen 30, 2014 9:14 am

Re: Modifica destinazione d'uso

Messaggioda aiace_ » mer giu 22, 2016 11:58 am

L'articolo 15 dovrebbe servire se tu paghi qualcosa per conto di tizio e questo qualcosa è documentato.
Se pago in posta la bolletta della luce della signora Maria, metto in fattura la voce 'pagamento bolletta Maria, art 15'. e su questo non pago le tasse, come è giusto.
E qui c'è la connessione diretta tra la mia fattura e la bolletta pagata con sopra scrittto Maria.

Qui invece produciamo un APE per la signora Maria, però
- inviamo i soldi alla EVERET e non a Maria
- paghiamo in anticipo e non all'atto della registrazione dell'APE
In questo modo mancano i riferimenti ad un chi ed ad un quando.
Si potrebbe fare un bonifico di 15€ tutte le volte che registro un APE e nella causale indico 'redazione APE per signora Maria'. Un ulteriore aggravio.

Riassumendo: l'articolo 15 lo possiamo utilizzare in quanto l'unico che abbiamo, ma potrebbe non andare bene al fisco.

Ultimo commento. Riguardo all'esempio riportato dei 900+IVA, come si fa a farsi pagare 900€ un APE?
aiace_
 
Messaggi: 61
Iscritto il: lun gen 20, 2014 12:23 am

Re: Modifica destinazione d'uso

Messaggioda Ing Rivoli » mer giu 22, 2016 12:18 pm

Io che sono in Contabilità semplificata scrivo così sulla fattura:

Rimorso spese escluse ex art.15 DPR 633/72
Contributo registrazione certificazione energetica Comma 7 Art 25-Ter L.R. 26/2004 rif. identificativo 0370E1D2-8525-4F98-8D70-4B234B76A137

e trascivo il codice in ultima pagina sul certificato ( quindi una tracciabilità non solo dell'importo ma anche della data ). Sul Sace risulta inoltre traccia di data ed importo ricariche e data ed importo uscite.

Sarebbe però cosa saggia che qualcuno chiedesse ufficialmente in regione/sace così non solo esser certi che sia corretto ma anche di imporlo al commercialista ( alcuni dei quali hanno anche fantasia ).

Luigi
Allegati
fattura.JPG
Ing Rivoli
 
Messaggi: 123
Iscritto il: lun gen 13, 2014 12:18 pm

Re: Modifica destinazione d'uso

Messaggioda ing_Laurentio » ven giu 24, 2016 7:16 am

@ AIACE i 900 euro era un esempio numerico di fattura e non era riferito a un singolo APE....
Per la tracciabilità mi pare che che non ci siano problemi (sull'attestato è riportato il codice del pagamento), ricarico il SACE con soldi miei (conto professionale) e li anticipo per il cliente all'atto della registrazione del SUO certificato...poi se vogliamo complicarci la vita....

saluti.
ing_Laurentio
 
Messaggi: 56
Iscritto il: gio gen 30, 2014 9:14 am

Prossimo

Torna a Certificazione energetica Regione Emilia Romagna

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron