confronto tra vecchie e nuove UNI TS 11300

Moderatori: Kristian.F, Navarra Ivan

confronto tra vecchie e nuove UNI TS 11300

Messaggioda Filippo Scarsi » ven ott 31, 2014 12:20 pm

Sto facendo un APE di un appartamento che con la vecchia e collaudata versione della normativa sarebbe stato molto semplice.
Descrizione in breve: ultimo piano di piccolo edificio in linea a due piani fuori terra, anno 2003, residenziale, 50 mq, struttura a telaio cca, muri esterni termolaterizio da 30 cm + cappotto esterno 5 cm, solaio sottostante in laterocemento verso altro appartamento, solaio soprastante in laterocemento non coibentato verso sottotetto non riscaldato. E' anche esposto su tre lati (sud-ovest, nord-ovest, nord-est) e all'interno confina in parte con un vano scala. Caldaia a metano tipo C ***, radiatori, termostato di zona.
A naso mi aspetto una classe non elevata, diciamo una E o una F.

Nell'attesa del rilascio del software (Termo 3.0) aggiornato lo modello con il software vecchio (Termo 2.7):

1) considerando il sottotetto come "zona non riscaldata - sottotetto isolato 0,7" (questo perché il tetto ha l'isolante) ottengo:
EPinv = 158 EPacs=24 EPtot=182 [kWh/mq/anno] (classe F)

2) modellando la copertura e calcolando la zona non riscaldata dalle strutture ottengo
EPinv = 112 EPacs=24 EPtot=136 [kWh/mq/anno] (classe E)

Due giorni fa han rilasciato la versione aggiornata del software, rimodello il tutto e ottengo questi risultati.
1) EPinv = 274 EPacs=60 EPtot=334 [kWh/mq/anno] (classe G)
2) EPinv = 218 EPacs=60 EPtot=278 [kWh/mq/anno] (classe G)

Ho modellato in entrambi i casi usando le superfici esterne, in tutto questo mancano ancora da inserire i ponti termici e le ostruzioni/aggetti.

Dalle prove che ho visto, quello che sposta radicalmente sono due fattori:
1) EPacs, che è praticamente triplcata
2) Sottotetto. A riguardo, se imposto la zona non riscaldata con b=0 (area interna di circolazione senza muri esterni) l'EPinv viene abbastanza simile (60 vs 68), quindi immagino che ora siano fortemente penalizzati gli scambi verso ambienti non riscaldati.

Ho contattato l'assistenza del software e mi han detto che ci possono essere differenze dovute ai diversi metodi di calcolo.

Qualcuno ha visto le formule delle nuove norme? Confermate che ci possano essere differenze così grandi? Qualcuno ha qualche esperienza con le nuove norme?
Ciao.
Filippo
Filippo Scarsi
 
Messaggi: 14
Iscritto il: gio gen 09, 2014 4:41 pm

Re: confronto tra vecchie e nuove UNI TS 11300

Messaggioda Navarra Ivan » ven ott 31, 2014 6:16 pm

non ho fatto una verifica puntuale, al volo ti dico che su alcuni APE che ho fatto in questi giorni non vedo grosse differenze sull'EPacs, che tu dici triplicato.
Navarra Ivan
Site Admin
 
Messaggi: 134
Iscritto il: lun dic 02, 2013 6:00 pm

Re: confronto tra vecchie e nuove UNI TS 11300

Messaggioda Filippo Scarsi » lun nov 03, 2014 6:55 pm

aggiornamento: rimodellando da zero ottengo valori accettabili. non so cosa avesse il file perché i dati di input sono esattamente gli stessi, riscrivendo tutto da zero rientra nei canoni.
L'Epacs è praticamente identica alla vecchia normativa, l'Epinv peggiora di circa un 10%, il che comunque aprirebbe un dibattito su vecchi APE vs nuovi APE.
Filippo Scarsi
 
Messaggi: 14
Iscritto il: gio gen 09, 2014 4:41 pm


Torna a Normativa Tecnica Nazionale (UNITS 11300)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron