APE per 2 subalterni uniti ma di proprietà diversa

Discussione su applicazione Delibera regionale per progettazione e certificazione.

Moderatori: Kristian.F, Navarra Ivan

APE per 2 subalterni uniti ma di proprietà diversa

Messaggioda signo2000 » mer mar 07, 2018 8:10 am

Buongiorno a tutti

Il quesito è il seguente: un mio cliente necessita, per una divisione ereditaria, dell'APE relativo ad un subalterno destinato ad attività commerciale. Tale attività commerciale occupa però anche un altro subalterno, di proprietà di terzi, in quanto il muro che divide i due subalterni è stato demolito.

Visto lo scopo (divisione ereditaria) chiedo se è possibile certificare solamente il subalterno di proprietà del mio cliente, immaginando la presenza del muro divisorio con l'altro subalterno di proprietà di terzi (ovviamente non interessati minimamente alla redazione dell'APE ed alla conseguente spesa).
signo2000
 
Messaggi: 100
Iscritto il: gio gen 09, 2014 4:56 pm

Re: APE per 2 subalterni uniti ma di proprietà diversa

Messaggioda Giacomo.Bazzocchi » mer mar 07, 2018 3:16 pm

Secondo me non si può: vi è in tale caso la c.d. "confusione" dei due subalterni, e non è possibile delimitare correttamente le zone termiche senza ricomprendere entrambi i subalterni (immagino).
Quindi purtroppo si dovrà, secondo me, fare un APE dei 2 sub insieme, a buon rendere per il vicino.
Fare altrimenti (muro fittizio di divisione) sarebbe un "falso ideologico" nella stesura delle superfici disperdenti e nella delimitazione delle zone termiche.
Giacomo.Bazzocchi
 
Messaggi: 23
Iscritto il: gio gen 09, 2014 5:06 pm
Località: Cesenatico

Re: APE per 2 subalterni uniti ma di proprietà diversa

Messaggioda Claudio » gio mar 08, 2018 5:30 pm

Concordo con Giacomo.Bazzocchi, in quanto tu devi certificare lo stato di fatto e questo non prevede la presenza del muro.
Claudio
 
Messaggi: 102
Iscritto il: ven gen 10, 2014 2:25 pm

Re: APE per 2 subalterni uniti ma di proprietà diversa

Messaggioda Ing Rivoli » sab mar 17, 2018 6:53 pm

Anche a me è capitato un caso simile. Io ho fatto due certificati. Ho considerati un muro "fittizio" che essendo alla stessa temperatura non comportava scambio termico, e considerando la quotaparte della potenza della caldaia.
Ho utilizzato la logica che realizzando il muro divisorio la situazione energetica era quella che io avevo certificato. Ovviamente la realtà era la somma dei due certificati. Era però prima dell'utimo aggiornamento normativo.
Ing Rivoli
 
Messaggi: 120
Iscritto il: lun gen 13, 2014 12:18 pm


Torna a Certificazione energetica Regione Emilia Romagna

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron